martedì 26 marzo 2013

Apprendimento e disabilità psichica: l’ambiente di lavoro

L’importanza dell’inserimento dei ragazzi con disabilità psichica in un ambiente scolastico dà la possibilità di avere contatti con i loro coetanei e cancellare buona parte dell’emarginazione che quasi sempre li caratterizza. In tal mondo essi hanno l’opportunità di apprendere comportamenti “tipici” e “normali” per la nostra società, seguendo l’esempio di altri coetanei e studenti.
Si vuole sottolineare quale possa essere il danno per i ragazzi con disagi fisici o psichici nel caso fossero inseriti in ambienti in cui tutti condividono gli stessi problemi: mancherebbe la grande opportunità di apprendere norme di comportamento conformi alla nostra società.
L’isolamento non porterebbe sicuramente a un miglioramento della loro condizione, al contrario non farebbe che incrementare il disagio.
I corsi professionali per disabili organizzati all’interno delle strutture scolastiche, danno a possibilità ai ragazzi di usufruire delle strutture sportive e dei laboratori di formazione professionale. Fine ultimo dei corsi è quello di far conseguire ai ragazzi una maturazione finalizzata a una maggiore responsabilità e maggiori capacità comunicative.

1 commento:

  1. Ho sempre pensato che la formazione di corsi 'solo' per disabilità psichiche fossero, in taluni casi peggiorativi di alcune disabilità.Credo che dovrebbe esserci una parificazione tra disabilità e non nelle attività extra scolastiche o comunque di preparazione professionale, didattica e non.
    Vivere la disabilità è un bene anche e soprattutto per chi disabile non è...
    dividere, come se fossero appartenenti a mondi diversi, i disabili è un segnale di emarginazione.Il mondo dovrebbe essere a misura di tutti e con naturalezza, senza sforzi o salti mortali.Perché si può essere disabili anche per brevi periodi e bisogna rendersi conto che la disabilità deve coinvolgere tutti, non solo i diretti interessati.

    RispondiElimina