martedì 12 giugno 2012

Giuseppe interpreta i sogni del faraone (Andrea del Sarto)

Questo dipinto di Andrea del Sarto faceva una volta parte della decorazione della Camera nuziale Borgherini, ciclo di pitture presenti a Palazzo Borgherini, a Firenze. La scena rappresentata è narrata nel libro della Genesi. Giuseppe, figlio di Giacobbe e Rebecca, è malvisto dai suoi fratelli che lo vendono a una carovana di mercanti. Portato in Egitto come schiavo viene poi accusato ingiustamente di tentata violenza e rinchiuso in prigione, dove riscopre la sua abilità a interpretare i sogni. Per questa sua capacità viene indicato dai compagni di cella e portato al palazzo reale per interpretare il sogno del faraone delle sette vacche grasse e delle sette vacche magre. Il racconto viene interpretato da Giuseppe come un periodo di sette anni in cui l’Egitto avrà raccolti prosperosi a cui seguiranno sette anni di carestie. L’ebreo consiglia quindi al faraone di accumulare scorte di grano per gli anni difficili.
Nel quadro di del Sarto il paesaggio egiziano è lussureggiante e il palazzo in stile rinascimentale. Vari gruppi di persone stanno in primo e in secondo piano. A sinistra si vede la tenda del faraone con le sette spighe piene e le sette vuote (spuntano dall’acqua, accanto a un putto) e le sette vacche grasse con quelle magre sulla riva di un fiume.
In primo piano Giuseppe viene liberato di prigione e portato al cospetto del faraone, che per gratitudine gli regala un collare d’oro. Alcuni elementi sono aggiunti come pura decorazione e non hanno parte attiva nella storia, come l’uomo nudo seduto a terra e i due putti che reggono il baldacchino del faraone. Sullo sfondo a sinistra, e a destra sotto l’arco della scalinata del palazzo, alcuni scorci paesaggistici.
Giuseppe interpreta i sogni del faraone, Andrea del Sarto, 1515-1516 circa, olio su tavola, cm. 98x135, Galleria Palatina, Firenze.

2 commenti:

  1. Sempre interessante scoprire cosa si celi dietro un dipinto...

    RispondiElimina
  2. Anche lui interessato ai sogni? ;-)

    RispondiElimina