venerdì 25 novembre 2011

Le fonti storiche

Storia del popolo ebraico
(dalle origini alla costituzione dello stato di Israele)
Capitolo 1 

La storia del popolo ebraico coincide per larga parte con i testi dell’Antico Testamento. Nonostante l’assoluta mancanza di fonti extrabibliche, le poche conoscenze del mondo nomade del medioriente del II millennio a.C. confermano indirettamente alcuni elementi quali nomi geografici e di persone, contratti, usi e costumi della vita seminomade descritti nel libro della Genesi.
Lo studio dei libri dell’Antico Testamento, quindi, come unica fonte storica del popolo ebraico delle origini, ma anche perché la storia di questo popolo è troppo intimamente connessa con la sua religione.
Per quanto riguarda le fonti extrabibliche, in quelle egizie si trovano alcuni accenni della nomina di un immigrato semita a un’alta carica statale che potrebbe corrispondere alla figura di Giuseppe. Dato l’intreccio della storia del popolo ebraico con i grandi imperi dell’antichità (Egizio, Assiro, Babilinese, Persiano, Macedone) è possibile rintracciare nelle loro fonti fugaci accenni di questo popolo. Nel periodo dell’impero romano, all’inizio dell’era cristiana, la storia degli Ebrei è documentata dallo storico Giuseppe Flavio. A seguito della diaspora, la storia di questo popolo si fonde l’occidente cristiano.


TORNA ALL'INDICE                                                 CAPITOLO SUCCESSIVO

Nessun commento:

Posta un commento