lunedì 23 aprile 2012

La chiamata di Abramo

Storia del popolo ebraico
(dalle origini alla costituzione dello stato di Israele)
Capitolo 11 

Abramo è venerato come “padre di tutte le nazioni” da Ebrei, cristiani e musulmani. Non esistono documenti storici al di fuori della Bibbia che facciano riferimento alla figura di Abramo, ma lo scenario che fa da sottofondo alla descrizione delle sue gesta è compatibile con la storia documentata. Gli stessi Testi Sacri non concordano sul luogo e la data di nascita, né sulla datazione dei sui viaggi. Le ipotesi più accreditate collocano la figura di Abramo ai tempi del re babilonese Hammurabi, amorreo che verso il 2000 a.C. dominò i sumeri e trasformò Babilonia in una grande capitale. In quest'ottica, i viaggi di Abramo potrebbero coincidere con gli spostamenti commerciali, di cui si trova documentazione storica, avvenuti attorno al 1740 a.C. prima della conquista e dell'abbandono della città di Ur.
Il nome di Hammurabi è legato soprattutto a un codice elaborato verso la fine del suo regno, inciso su tavolette di argilla e su di una stele. Contiene importanti norme derivate da leggi sumere precedenti che disciplinano il commercio sui fiumi, i diritti dei reduci di guerra e indicano le sanzioni dei reati. La somiglianza con la legge che Mosè riceve da Dio sul Monte Sinai appare evidente, ma a differenza delle Tavole della Legge custodite nell'Arca dell'Alleanza che sono andate perse, le leggi di Hammurabi furono scoperte agli inizi del XX secolo da alcuni archeologi francesi nel luogo dell’antica città di Susa, la moderna Shush, al confine fra Iran e Iraq, e oggi conservate nel museo del Louvre.
Secondo il libro della genesi Abramo nasce, secondo il calendario ebraico, 1948 anni dopo la creazione, nella città di Ur. Nel momento che Dio parla ad Abramo per ordinargli di lasciare la sua terra e dirigersi nel paese che Lui gli avrebbe indicato, Abramo vive nella città di Carran, città della Mesopotamia settentrionale (oggi Turchia), con sua moglie Sara e il nipote Lot. Ha 75 anni e non ha ancora avuto figli. Abramo obbedendo al comando divino si mise in cammino. Quando giunse nei pressi di Sichem, Dio gli apparve e gli fece la promessa che quella terra sarebbe appartenuta alla sua discendenza che sarebbe stata numerosissima.
Quella terra era il paese di Canaan, successivamente terra dei Filistei o terra di Israele. Abramo e Lot decidono di dividersi: Lot sceglie di stabilirsi nella pianura vicina alla città di Sodoma, Abramo si dirige nella parte collinosa di Canaan. Quando quattro re decidono di muovere guerra contro Sodoma, Abramo accorre in aiuto a Lot alla testa di un piccolo esercito per liberarlo. Dopo la sconfitta dei quattro re, Abramo offre le decime del bottino a Melchisedek, il Sommo Sacerdote del dio cananeo “El Elyon” (Dio altissimo) e re di Salem, la città che poi sarà chiamata Gerusalemme


TORNA ALL'INDICE                                                 CAPITOLO SUCCESSIVO

5 commenti:

  1. Hammurabi in questi giorni "fa parlare di se"

    RispondiElimina
  2. Che bello, e pensare che un tempo mi annoiava... forse me lo raccontavano "male". :-)

    RispondiElimina
  3. forse perchè te lo raccontavano solo dal punto di vista spirituale, io ho cercato di dare invece soprattutto un inquadramento storico
    m.c.

    RispondiElimina
  4. Argomento suggestivo e perfettamente ricostruito!

    RispondiElimina
  5. Ok. Abramo grande personaggio biblico. Da lui le religioni abramitiche. Grazie

    RispondiElimina